Condividi:


Bocconi avvelenati, in Liguria ogni giorno una decina di casi segnalati

di Redazione

"Non possiamo più continuare ad assistere impotenti a questa strage di animali. Servirebbero più controlli ma anche telecamere di sorveglianza"

"Ci arrivano segnalazioni di almeno una decina di casi al giorno in tutta la Liguria", spiega Ivan Schmidt. Insieme a Virginia Abncona ha fondato il progetto Ireba-19, organizzazione no-profit che lavora per difendere gli animali contro le esche e i bocconi avvelenati. "Nelle ultime settimane abbiamo ricevuto da Campomorone notizia di diversi casi di cani che sono dovuti ricorrere a cure d'urgenza e purtroppo non molto tempo fa uno di loro è deceduto. Oltre alla task force già richiesta alla Regione Liguria e al Comune di Genova immediate misure di contrasto al fenomeno. Non possiamo più continuare ad assistere impotenti a questa strage di animali. Servirebbero più controlli ma anche telecamere di sorveglianza per evitare che si ripetano queste crudeltà", conclude Schmidt.