Condividi:


Bimba morta nel parco a Lerici, tre giorni di lutto cittadino

di Fabio Canessa

Il sindaco Paoletti: "Il cancello è stato revisionato in autunno, non capisco come è stato possibile"

I carabinieri stanno ascoltando in queste ore il nonno della piccola Bianca Tonelli, la bambina di 3 anni morta schiacciata dal cedimento del cancello del parco giochi di Pugliola (frazione di Lerici), e tutte le persone che sono accorse nei momenti immediatamente successivi alla tragedia per ricostruire nel dettaglio gli ultimi minuti di vita della piccola e fare chiarezza su quanto accaduto.

In un secondo momento verranno sentiti anche i tecnici comunali, per verificare lo stato di manutenzione del cancello, e gli eventuali responsabili delle aperture del parco giochi.

Intanto il corpo della piccina resta a disposizione dell' autorità giudiziaria. Tutta la comunità lericina si è stretta intorno alla famiglia, così come l'intera provincia spezzina. Il sindaco di Lerici Leonardo Paoletti ha emesso una ordinanza che prevede tre giorni di lutto cittadino a cominciare da oggi e sino a martedì 30 aprile. Le bandiere saranno a mezz'asta e sono state annullate tutte le attività e le manifestazioni ludico sportive. È stato chiesto ai commercianti di abbassare le saracinesche in questi tre giorni per un quarto d'ora in segno di lutto.

"Il cancello della tragedia era stato revisionato lo scorso autunno. Avevamo incaricato una ditta del settore che era stata regolarmente pagata a fine lavori a dicembre. Non riesco proprio a capire come questa tragedia sia stata possibile", ha detto il sindaco di Lerici Leonardo Paoletti dopo avere compiuto stamani un sopralluogo nel parco giochi dove ieri è morta schiacciata dal cancello di ingresso Bianca, una bimba di tre anni, che si trovava in compagnia del nonno.

Gli abitanti della frazione di Pugliola, dove la piccola viveva con i genitori, hanno portato fiori sul luogo dell' incidente. Il parroco ha ricordato la bambina durante la messa e ha chiesto ai parrocchiani di stringersi intorno alla sua famiglia distrutta dal dolore. "Non ci sono parole per commentare quanto accaduto", ha detto il sacerdote.