Azzurri, Mancini verso il sì. "Io e il presidente Gravina siamo d'accordo su tutto"

di Redazione

"Ne parleremo nei prossimi giorni, pensiamo a questa partita con la Turchia poi discuteremo su cosa migliorare per il futuro. Avremo altre partite importanti"

Azzurri, Mancini verso il sì. "Io e il presidente Gravina siamo d'accordo su tutto"

Roberto Mancini sembra aver sciolto la riserva. Alla vigilia dell'inutile partita di domani con la Turchia, il Commissario Tecnico  - pur evitando di fare annunci - ha lasciato trasparire abbastanza chiaramente il suo pensiero. “Abbiamo parlato col presidente Gravina in questi giorni, siamo allineati su tutto. Fa piacere, poi ne riparleremo nei prossimi giorni: ora pensiamo a questa partita, poi con calma discuteremo sulle cose da migliorare per il futuro. Tutto qui“.

E poi ancora: “Dobbiamo ripartire, ricordando che poi in futuro ci saranno anche altre gare importanti“. Parole che sembrano valere come una conferma: resterà al suo posto.

Nel corso della conferenza stampa, Mancini ha toccato diversi temi. Non è mancato quello che è sembrato un riferimento polemico al rapporto fra Nazionale e squadre di club. “Jorginho, Insigne e Immobile? Li ho obbligati io ad andare via perché se possiamo fare qualcosa per loro, e per i club, noi lo facciamo… Non avrebbero giocato, alcuni non erano al meglio fisicamente. Alcuni di loro li ho obbligati ad andare: il Chelsea ci ha mandato Jorginho tre giorni prima, non gli ha fatto giocare l’FA Cup. Anche Florenzi e Politano, non al meglio, li ho rispediti a casa perché non avrebbero giocato“.