Autonomia differenziata: Russo (Conftrasporto) teme effetti negativi sul sistema di trasporto e logistica del Paese

di Carlotta Nicoletti

1 min, 24 sec

Russo:  “Autonomia differenziata: l’approvazione del disegno di legge rischia di avere effetti negativi su pianificazione e funzionalità del sistema di trasporto e logistica del Paese”

Autonomia differenziata: Russo (Conftrasporto) teme effetti negativi sul sistema di trasporto e logistica del Paese

 

 “Autonomia differenziata: l’approvazione del disegno di legge rischia di avere effetti negativi su pianificazione e funzionalità del sistema di trasporto e logistica del Paese”.

Così il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Pasquale Russo, che teme ripercussioni sull’efficacia del sistema e la competitività delle imprese italiane.

“Conftrasporto ha più volte evidenziato che trasporto e logistica sono un insieme complesso e interconnesso, che per sua stessa natura richiede un approccio organico, di visione strategica, da cui poi discendono anche interventi ultra settoriali – spiega Russo – La nuova legge, che conferma le competenze di materie che possono essere trasferite alle Regioni, non ha avuto la lungimiranza di prevedere un raccordo tra le scelte territoriali e i Piani nazionali che anche questo Governo sta adottando o revisionando, consapevole, quindi, delle caratteristiche peculiari del settore dei trasporti”.

“Preoccupa anche il fatto che la legge sia stata approvata in totale mancanza di definizione dei Livelli Essenziali di Prestazione con riferimento a porti, aeroporti e grandi infrastrutture, e sulla cui difficoltà per identificare criteri oggettivi di valutazione abbiamo già espresso dubbi e perplessità – prosegue Russo – Si tratta infatti di infrastrutture su cui ‘viaggiano’ servizi di mercato, in molti casi già ampiamente regolati e su cui insistono rapporti di concessione determinati da contratti giuridicamente vincolanti”.

“A pochi giorni dalle elezioni UE, considerata la centralità che le Reti transeuropee e gli scenari di trasporto internazionali hanno avuto, la frammentazione delle politiche e della normativa di settore rischia di minare la competitività del sistema economico nazionale”, conclude il presidente di Conftrasporto.

 

© Telenord Srl
P.IVA e CF: 00945590107
ISC. REA - GE: 229501
Sede Legale: Via XX Settembre 41/3
16121 GENOVA
PEC: contabilita@pec.telenord.it
Capitale sociale: 343.598,42 euro i.v.
pubtelenord@telenord.it
Tel. 010 5532701
Informativa della privacy
Gestisci consenso
Scarica l'App di Telenord
Tutti i diritti riservati, vietata la copia anche parziale dei contenuti