Condividi:


Volotea, la sesta base italiana sarà a Napoli

di Pietro Roth

La compagnia spagnola baserà a Capodichino due aeromobili A319

Volotea, la compagnia aerea low cost che collega città di medie e piccole dimensioni in Europa, rafforza il suo legame con Napoli e annuncia di aver scelto l’aeroporto campano come sua sesta base italiana. Tutti i dettagli – dalle rotte operate alle opportunità di impiego di Volotea presso lo scalo – verranno annunciati nel corso di uno speciale evento, il prossimo 15 ottobre a Napoli, alla presenza della stampa, delle autorità e degli enti locali. Con l’apertura della nuova base, ad aprile 2020, la low cost allocherà due aeromobili presso lo scalo, permettendo spostamenti ancora più facili, comodi e diretti per i passeggeri campani, durante tutto l’anno. Verranno, così, approcciati nuovi mercati che permetteranno una crescita del flusso di turisti incoming nazionali e internazionali, supportando il tessuto economico locale. Volotea è presente a Napoli con la sua offerta più ricca a livello nazionale e punta a crescere ulteriormente nel 2020. A Napoli, Volotea è già la terza compagnia in termini di destinazioni raggiungibili, con una line-up di 22 rotte; 9 di queste non sono operate da nessun’altra compagnia, rafforzando l’offerta totale dell’aeroporto e ampliando le opportunità di viaggio dei cittadini campani. Volotea baserà a Napoli due aeromobili A319, migliorando ulteriormente la sua offerta per il 2020 e presto avvierà un processo di recruitment per selezionare il personale locale a supporto delle operazioni. “Siamo felici di aprire una base a Napoli, primo aeroporto Volotea in Italia e secondo nel nostro network per numero di posti disponibili: grazie alla nuova base, i passeggeri campani potranno volare in orari ancora più comodi. A Napoli, inoltre, utilizzeremo aeromobili Airbus A319 che ci permetteranno così di offrire, il prossimo anno, più di un milione di posti a livello locale – dichiara Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea. Volotea, infine, è oggi come primo vettore a Napoli per collegamenti verso destinazioni nazionali e isole greche, a dimostrazione del potenziale di crescita dello scalo partenopeo”. “La presenza di aeromobili basati a Napoli consentirà di operare voli su tratte nazionali in fasce orarie più comode, in particolare per l’utenza business. Con i nostri partner, in linea con la crescita responsabile dello scalo, puntiamo ad aeromobili con migliori performance in termini di sostenibilità ambientale: i nuovi aeromobili, con il 25% di posti in più, hanno infatti minori emissioni per passeggero e meno impatto acustico” – sottolinea Roberto Barbieri, Amministratore Delegato di GESAC SpA. Volotea opera a Napoli dal 2013 e ha recentemente sorpassato i suoi 2.500.000 passeggeri presso lo scalo. Sono ottimi i risultati registrati da Volotea a Napoli che, da giugno a settembre, ha trasportato a livello locale 664.000 passeggeri, pari ad un incremento del 24% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Da gennaio a settembre 2019, infine, la low cost ha operato a Napoli circa 5.300 voli (+21% vs 2018), raggiungendo un load factor del 94%.

Condividi: