Ventimiglia, sette persone accusate di favoreggiamento all'immigrazione clandestina

di Redazione

Il gip ha imposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Aosta, Cuneo e Torino

Ventimiglia, sette persone accusate di favoreggiamento all'immigrazione clandestina

Sette misure cautelari sono state emesse dal gip del tribunale di Imperia nei confronti di altrettanti cittadini stranieri indagati dalla Procura per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Nei loro confronti, il gip ha emesso il divieto di dimora nelle province di Imperia, Aosta, Cuneo e Torino. A uno degli indagati l'ordinanza è stata notificata in carcere, dove è detenuto per reati specifici. Due sono stati rintracciati a Ventimiglia, mentre gli altri risultano irreperibili. I provvedimenti sono scattati al culmine di un'indagine della squadra mobile di Imperia e della polizia di frontiera di Ventimiglia. Gli indagati provengono da diversi Paesi: Afghanistan, Pakistan, Iraq, Egitto e Senegal. Sono accusati di aver favorito, dietro pagamento di somme di denaro di importo variabile, l'ingresso clandestino in Francia di cittadini stranieri irregolari, arrivati nell'estremo ponente ligure con l'intento di espatriare. Secondo quanto appreso, i migranti venivano accompagnati in orario serale e notturno nelle piazzole di servizio dell'Autofiori, dove approfittando del buio, venivano caricati sui rimorchi di mezzi pesanti diretti oltreconfine, che in quel momento erano in sosta. Il tutto avveniva all'insaputa dei conducenti, che in quel momento riposavano o non si trovavano sui mezzi.