TPL: E. Romagna conferma per anno scolastico 2024-25 gli abbonamenti gratuiti salta su! per studenti

di Carlotta Nicoletti

2 min, 54 sec

Confermati quindi gli abbonamenti annuali gratuiti per gli studenti residenti in Emilia-Romagna che frequentano le scuole elementari, medie, superiori e gli istituti di formazione professionale

TPL: E. Romagna conferma per anno scolastico 2024-25 gli abbonamenti gratuiti salta su! per studenti

Senza pagare il biglietto e con più attenzione per l’ambiente. Torna anche per l’anno scolastico 2024-25 “Salta su!”, l’iniziativa della Regione che permette alle studentesse e agli studenti dell’Emilia-Romagna di viaggiare gratuitamente su bus e treni regionali per andare a scuola.

Confermati quindi gli abbonamenti annuali gratuiti per gli studenti residenti in Emilia-Romagna che frequentano le scuole elementari, medie, superiori e gli istituti di formazione professionale.

Restano invariate le modalità e i requisiti per ottenere il titolo di viaggio per spostarsi a costo zero nel tragitto casa/scuola e ritorno, ma anche nel tempo libero lungo la stessa tratta.

Una misura che, lo scorso anno ha fatto viaggiare gratuitamente oltre 220mila ragazze e ragazzi, con un incremento di circa il 10% rispetto al 2022-23 e con impegno sul bilancio regionale di oltre 25,5 milioni di euro, valore che si stima anche per la rendicontazione 2023-2024.

I numeri della precedente edizione, tutti i dettagli dell’iniziativa per l’anno 2024-2025 e la nuova campagna di comunicazione, sono stati presentati oggi in conferenza stampa dall’assessore regionale alla Mobilità e Trasporti, Andrea Corsini e dai rappresentanti delle aziende del trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna Tper, Seta, Start Romagna, Tep, Trenitalia Tper, Mete e Valmabus.

“I dati sono sempre più incoraggianti- afferma Corsini-. “Salta su” ha coinvolto il 42% degli iscritti agli istituti scolastici dell’Emilia-Romagna, con un risparmio per le famiglie compreso tra i 350 e i 650 euro medio a figlio in base all’abbonamento scelto. E con il supporto di una piattaforma per ottenere i titoli di viaggio, realizzata assieme alle aziende dei trasporti regionali, ormai rodata”.

“Un aiuto concreto che piace sempre più ai giovani e alle loro famiglie- conclude l’assessore- e che anche per questo abbiamo voluto confermare per il prossimo anno scolastico. E una misura che ci rende orgogliosi perché, in linea con il Patto per il lavoro e per il clima, promuove in modo reale lo sviluppo di una cultura di mobilità sostenibile”.

“Salta su!”, è rivolta a tutti gli studenti e studentesse emiliano-romagnoli dalla scuola elementare alle scuole pubbliche superiori e istituti di formazione professionale anche se fuori dai confini regionali. Agli studenti delle scuole superiori è richiesto l’ulteriore requisito dell’Isee familiare annuo fino a 30mila euro.

È già attiva la piattaforma unica “Salta Su” https://regioneer.it/saltasu per presentare la richiesta di abbonamento.

L’accesso è solo online e si effettua con credenziali Spid e CIE. C’è tempo fino alle ore 14,00 del 18 dicembre 2024.

La piattaforma, selezionando l’indirizzo di partenza e quello di arrivo, permette di personalizzare l’abbonamento scegliendo le soluzioni: urbano, extraurbano su bus, ferroviario, integrato bus-treno. L’abbonamento personale annuale è valido dal 1^ settembre 2024 al 31 agosto 2025.

È attivo anche il servizio di assistenza agli utenti, disponibile sia per richieste di informazione scritte sulla piattaforma Salta su, sia telefoniche al numero verde Mi Muovo 800.388988, oltre che ai call center aziendali.

Lo scorso anno sono state gestite oltre 15mila chiamate, con un picco nel periodo settembre-ottobre. L’assistenza scritta tramite piattaforma ha registrato più di 9 mila contatti.

 

© Telenord Srl
P.IVA e CF: 00945590107
ISC. REA - GE: 229501
Sede Legale: Via XX Settembre 41/3
16121 GENOVA
PEC: contabilita@pec.telenord.it
Capitale sociale: 343.598,42 euro i.v.
pubtelenord@telenord.it
Tel. 010 5532701
Informativa della privacy
Gestisci consenso
Scarica l'App di Telenord
Tutti i diritti riservati, vietata la copia anche parziale dei contenuti