Condividi:


Terminal San Giorgio potrà accogliere le navi ro-ro GG5G

di Edoardo Cozza

Si tratta delle nuove imbarcazioni ibride della flotta Grimaldi: la prima arriverà lunedì a Genova

Terminal San Giorgio ha completato i lavori relativi all’ampliamento della banchina di accosto per navi ro-ro situata presso Ponte Libia Levante. Tale intervento si è reso necessario al fine di consentire l’ormeggio delle nuove navi ro-ro ibride “GG5G”, che verranno messe in servizio sulle tratte da e per Genova da parte di Grimaldi Euromed, operatore leader a livello mondiale nel traffico ro-ro, il cui primo approdo nel porto di Genova è previsto per lunedì 26 aprile.

Tali navi, lunghe 238 metri e larghe 34, hanno una capacità di carico di 500 semirimorchi e 7800 metri lineari di carico e sono le più grandi unità ro-ro al mondo per il trasporto marittimo di corto raggio, oltre che le più ecofriendly.

Viste le eccezionali dimensioni di tali unità e considerato anche il particolare layout del bacino di Sampierdarena, è stato quindi necessario per Terminal San Giorgio procedere – per il momento – all’ampliamento di uno dei propri ormeggi ro-ro, i cui lavori – tra progettazione e realizzazione – sono durati circa un anno e mezzo. Nello specifico, l’intervento in questione è consistito in un allargamento della scassa attraverso una parziale e limitata demolizione della banchina nonché la creazione di una rampa di discesa in continuità con quella esistente.

Con questo intervento Terminal San Giorgio – principale operatore del Porto di Genova per quanto riguarda il traffico di rotabili/Autostrade del Mare – intende rafforzare sempre di più la propria partnership con il Gruppo Grimaldi.

“Senza un proattivo coordinamento guidato dallo staff TSG non avremmo senz’altro potuto raggiungere questo risultato in tempi coerenti con le esigenze commerciali del nostro Cliente Grimaldi Lines” chiosa ancora con un certo orgoglio Maurizio Anselmo, ad di Terminal San Giorgio, consapevole di aver completato il primo degli importanti interventi infrastrutturali che Terminal San Giorgio ha in programma di effettuare nel corso dei prossimi mesi.