Stazione Principe: terzo maxi pattuglione, tanti controlli, nessun arresto

di Redazione

Ingente schieramento di poliziotti: controllate 460 persone

Stazione Principe: terzo maxi pattuglione, tanti controlli, nessun arresto

Terzo maxi pattuglione degli agenti della Polfer nella stazione di Principe e per la terza volta neanche un arresto. L'ingente schieramento di agenti in un'operazione denominata Alto Impatto e disposta in ambito nazionale nelle maggiori stazioni ferroviarie, ha coinvolto oltre al personale della polizia ferroviaria, anche il reparto prevenzione crimine “Liguria” e le unità cinofile della questura di Genova.

Nel corso dell’ attività sono state controllate 460 persone, una è stata denunciata per possesso di sostanze stupefacenti, una segnalata alla prefettura perché trovata in possesso di una modica quantità di cannabis, una per violazione della legge sugli stranieri. In controlli hanno permesso di sequestrare circa grammi di 50 di hashish e marijuana.

I controlli a campione sono stati estesi anche ai bagagli a mano dei viaggiatori e a quelli riposti presso il locale deposito bagagli, per un complessivo di 100

bagagli controllati attraverso il metal detector.

Le attività, riferiscono dalla questura, sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone in dotazione alle pattuglie per il controllo in tempo reale dei documenti. A fare le spese del precedente pattuglione ad Alto Impatto svolto ad agosto nella stazione di Principe era stato un pensionato che aveva rubato alcuni libri nella libreria dell'atrio.

I tanti maxi pattuglioni voluti dal Ministero degli Interni sono stati di recente criticati da alcuni sindacati della polizia perché, a loro dire, “a fronte di molti agenti impiegati quasi sempre producono risultati modesti”. I sindacati, al contrario, chiedono più indagini in grado di intercettare e prevenire in modo più efficace i reati.