Sgombero centro sociale "Terra di nessuno", Murolo: "Finalmente si ripristina la legalità"

di Redazione

"Un beneficio per tutto il quartiere del Lagaccio, che vedrà sorgere un parco giochi e un'area verde al posto di quella che ormai era una discarica"

Sgombero centro sociale "Terra di nessuno", Murolo: "Finalmente si ripristina la legalità"

"Sono lieto che il Comune di Genova abbia finalmente ottenuto l'esecuzione dello sgombero". Così Giuseppe Murolo, coordinatore del dipartimento cultura e innovazione di Fratelli d'Italia, a proposito dello sgombero, in atto dalle prime luci dell'alba, del Centro Sociale "Terra di nessuno" nel quartiere del Lagaccio. "Questo per almeno tre motivi - spiega Murolo - Il primo è il ripristino della legalità ossia l'intolleranza di aree di disapplicazione della legge, che vale per tutti, a Genova, anche per i cosiddetti centri sociali occupati autogestiti, al cui interno non è rispettata nessuna delle disposizioni di legge, ne' fiscali ne' per il consumo di bevande e alcolici o alimenti".

"Il secondo motivo - prosegue Murolo - è che, nella conclamata illegalità, si evita un terreno fertile per chi usa certe aggregazioni, tipo i rave party, come occasioni facilitate di spaccio di sostanze stupefacenti. Il terzo motivo è che questo era un provvedimento atteso dai residenti che finalmente vedranno realizzato un piano di recupero dell'area a favore del quartiere del Lagaccio, con giochi e un'area verde, a sostituire la discarica a cielo aperto in cui l'aveva ridotta il sedicente centro sociale".