Condividi:


Serrande abbassate e minuto di silenzio nel giorno del funerale di Camilla

di Redazione

Il sindaco Ghio: "La città ha vissuto in modo molto doloroso quello che è accaduto"

Serrande abbassate, bandiere a mezz’asta e tanta tristezza negli animi delle persone. Oggi Sestri Levante si presentava così: chiusa nel dolora per la prematura scomparsa di Camilla Canepa. A mezzogiorno l’amministrazione comunale ha voluto stringersi simbolicamente attorno alla famiglia di Camilla con un minuto di silenzio davanti al Comune, in piazza Matteotti. 

L’intera comunità invece ha salutato per l’ultima volta Camilla oggi pomeriggio alle 16. I funerali si sono svolti nella Chiesa di Sant’Antonio a Sestri Levante con la funzione religiosa celebrata da don Mauro Sapia, parroco di San Bartolomeo della Ginestra, e dal vescovo della diocesi di Chiavari, Mons. Alberto Tanasini. Una giornata di lutto cittadino in cui però i genitori della 18enne hanno chiesto, attraverso il proprio legale Angelo Paone, che il funerale possa essere un momento privato, senza la presenza di inviati di televisioni e giornali. Numerosi gli applausi delle tante persone che hanno riempito la piazza antistante la chiesa.

Dall’altare sono state lette le parole di Papa Francesco: "Sono vicino alla famiglia in un momento così doloroso". 

La cerimonia si è conclusa infine con decine di palloncini bianchi che si si sono alzati in cielo.

"Questa dev’essere la giornata del cordoglio, del dolore e della rispettosa vicinanza alla famiglia e agli amici di Camilla - spiega il sindaco Valentina Ghio - Credo che la città abbia vissuto in modo molto doloroso quello che è accaduto e ho trovato una grande partecipazione".