Savona, archiviata l'inchiesta su discariche di Vado Ligure 

di Redazione

L'indagine era partita a ottobre 2020 quando la guardia di finanza aveva sequestrato alcune aree

Savona, archiviata l'inchiesta su discariche di Vado Ligure 

Archiviata l'inchiesta della procura di Savona per disastro ambientale colposo legato alla presenza di concentrazioni di sostanze inquinanti nelle acque sottostanti alle discariche di Vado Ligure, in località Boscaccio e località Bossarino, rispettivamente di proprietà della società Ecosavona Srl e della società Green Up Spa.

L'indagine era partita a ottobre 2020 quando la guardia di finanza aveva sequestrato alcune aree. Gli approfondimenti erano partiti dopo che nel 2019 era emerso un possibile superamento dei valori di legge e di una potenziale contaminazione delle acque sotterranee. Nell'inchiesta erano indagati i legali rappresentanti delle società. 

"Il gip su richiesta degli stessi pm ha ordinato l'archiviazione del procedimento penale perché la notizia di reato è stata ritenuta infondata", si legge in una nota delle due società. 

Dopo il sequestro delle aree era stato fatto l'incidente probatorio e un accertamento tecnico irripetibile che avevano escluso la presenza di concentrazioni di sostanze inquinanti nelle acque sottostanti alle discariche.

"Questo evidenzia quanto entrambe le società abbiano sempre sostenuto e cioè la completa insussistenza di tale contestazione, anche in virtù della buona gestione che in tutti questi anni ha sempre assicurato la salvaguardia della salute degli utenti e del territorio, in generale.

L'archiviazione rende giustizia all'operato sempre trasparente e sempre corretto delle società Green Up Spa e Ecosavona Srl e, soprattutto, evidenzia l'utilità di una aperta e fattiva collaborazione fra l'autorità giudiziaria e i gestori in campo ambientale, nell'interesse della salvaguardia dell'ambiente e dell'utenza delle città che ospitano i nostri impianti", conclude la nota.