Sampdoria, un primo bilancio per Ranieri: difesa sicura ma l'attacco stenta

di Alessandro Bacci

Il tecnico cerca la soluzione: "Chi ha maggiore qualità dovrà correre come chi ne ha di meno"

Sampdoria, un primo bilancio per Ranieri: difesa sicura ma l'attacco stenta

La sosta per gli incontri delle nazionali arriva in un momento positivo per la Sampdoria. In queste due settimane Claudio Ranieri avrà la possibilità di lavorare con tranquillità e limare quegli aspetti che ancora non funzionano all'interno della squadra. Dopo cinque partite è già tempo per un primo, positivo bilancio per il nuovo tecnico. In cinque gare Ranieri ha ottenuto sei punti, meglio del suo predecessore Di Francesco che aveva collezionato solo tre punti in sette sfide. La Samp ha ritrovato la solidità difensiva e questo è l'aspetto più positivo. Nelle ultime cinque giornate, i blucerchiati hanno incassato solamente tre reti. Un dato all'opposto rispetto a Di Francesco che aveva subito 16 gol in sette sfide. Oggi la Samp non è più la squadra più battuta della Serie A e questo aspetto ha consentito a Ranieri di conquistare importanti punti in classifica. Resta, però, il problema del gol: oggi i blucerchiati, insieme alla Spal, hanno il peggior attacco del campionato con sole 7 reti segnate, ma su questo aspetto Ranieri è stato chiaro: "Io sono abituato a costruire una casa dalle fondamenta, poi metto i quadri e i fiori”.

Adesso l'allenatore dovrà attingere a tutte le forze a disposizione in rosa per risolvere il problema. Giocatori come Gabbiadini, Caprari e Rigoni hanno le potenzialità per fare meglio. Su questo aspetto, però, Ranieri è stato estremamente chiaro e in queste due settimane di lavoro proverà a recuperarli cercando nuove soluzioni in attacco: "Cercheremo di rivitalizzare quei giocatori che, senza offendere gli altri, hanno quel qualcosa in più, quella qualità in più. Però per mettere in campo quella qualità in più devi correre come quelli che ne hanno di meno, questa è la mia filosofia. Quindi piano piano stiamo tirando sù tutti quanti."

Il messaggio è chiaro, serviranno maggiore impegno e cattiveria per conquistarsi una maglia da titolare. Il capocannoniere della squadra resta Gabbiadini con due reti, decisamente troppo poco. La Sampdoria, adesso, con nove punti in classifica dovrà ritrovare presto la via del gol. Quagliarella e compagni avvisati.

(Foto UC Sampdoria)