Condividi:


Sampdoria, Ranieri: “Ho chiesto di spingere in ogni partita. Rinnovo? Penso ai 52 punti”

di Alessandro Bacci

Il tecnico: “Mi è piaciuta la concentrazione, l’intensità. Vorrei finire dietro il Sassuolo, sarebbe bello”

Claudio Ranieri si gode la vittoria contro la Roma e nel post partita plaude alla prestazione della sua Sampdoria: "Mi è piaciuta la concentrazione, l’intensità: abbiamo fatto una buona partita, con qualche errore come succede nel gioco del calcio. Vorrei, come mantra, ripetere i 26 punti dell’andata e non è facile: siamo due punti sopra ma dietro spingono. Io vorrei finire dietro il Sassuolo, sarebbe veramente bello per noi. Sono arrivato a Genova e mi hanno detto che una volta salva, la squadra si lascia andare. Questo a me non piace e ai ragazzi ho chiesto di spingere ogni partita. La Roma sta attraversando un momento negativo, e ne abbiamo approfittato: di questo sono contento”.

Adrien Silva sembra in crescita: “Ancora i compagni non lo conoscono bene, sono abituati a giocare con Ekdal, ma Adrien è un giocatore stupendo, sempre a disposizione per smarcamento o verticalizzazione. Ho un buon centrocampo”.

Verre oggi particolarmente convincente? “Lo è sempre, poi le partite riescono o meno. A Valerio non rimprovero nulla”.

Come le è parsa la trama offensiva dei suoi? “Buona, abbiamo fatto un bel possesso. A volte si sbaglia l’ultimo passaggio ma fa parte del calcio”.

Audero ancora decisivo: “Sta facendo un campionato strepitoso, non abbiamo preso gol ed è stato importante per noi. Se la Roma avesse riaperto la partita si sarebbe galvanizzata. Ci ha tolto le castagne dal fuoco”.

Pensa al rinnovo? “No, ad arrivare a 52 punti. Siamo salvi ma non mi interessa, la meta è quella”.

Verre è il futuro? "Credo in questo ragazzo, avrebbe bisogno solo di giocare con più continuità".