Condividi:


Sampdoria-Parma 3-0, Ranieri si congeda al meglio: obiettivo 52 punti raggiunto

di Alessandro Bacci

Quagliarella, Colley e Gabbiadini decisivi. Nel finale Ferrero prende a braccetto Quagliarella e parla alla squadra al centro del campo

La Sampdoria chiude la stagione nel miglior modo dei modi. I blucerchiati fanno un ultimo regalo a Claudio Ranieri raggiungendo 52 punti in classifica, ultimo obiettivo del tecnico. Una partita senza grandi motivazioni per entrambe le squadre ma giocata in modo attenti e convinto da parte della Samp. Una vittoria che è la ciliegina della torta di una stagione positiva conclusa al nono posto in classifica che dimostra anche l’estrema professionalità di Claudio Ranieri fino all’ultimo minuto del campionato.

Nel primo tempo i ritmi sono inevitabilmente bassi. Per la prima occasione della gara bisogna attendere il 16’ con Hernani che si accentra e tenta il destro dal limite dell’area con il pallone che termina alto di poco. La Samp si sveglia e al 19’ la gara cambia: Candreva trova Quagliarella libero in area e il capitano con un destro preciso spiazza Sepe e porta in vantaggio i blucerchiati. La partita prosegue su ritmi blandi con le occasioni per entrambe le squadre che si contano sulle dita di una mano. La squadra di Ranieri dimostra comunque un gran cinismo. Al 43’ dopo un batti e ribatti in area, il pallone capita sui piedi di Colley che scarica un sinistro violentissimo in porta. 2-0 con il gambiano che corre per tutto il campo per abbracciare Claudio Ranieri. Un gesto emblematico dopo l’annuncio dell’addio alla Sampdoria del tecnico dopo questa sfida. Il primo tempo termina così

Nella ripresa la Sampdoria gioca sul velluto. Ranieri non smette di guidare la propria squadra in piedi in panchina. Al 52’ Kosznovsky ha sui piedi l’occasione più ghiotta della gara su assist perfetto di Gervinho. Letica si supera e riesce a bloccare la sfera. Al 63’ c’è spazio anche per la gioia di Manolo Gabbiadini, bravissimo a scartare due uomini in area con un numero e a scaricare un destro precisissimo nel sette. La partita termina così. Al fischio finale il presidente Ferrero riunisce la squadra in cerchio in campo tenendo a braccetto Fabio Quagliarella. Per circa tre minuti Ferrero ha parlato ai giocatori. Ranieri torna negli spogliatoi senza incrociare il presidente.