Condividi:


Sampdoria, Osti: "Giampaolo? Abbiamo la volontà di continuare con lui"

di Redazione

Il ds blucerchiato: "Vialli? Ha lo spessore per fare il dirigente ad altissimo livello"

La Sampdoria ha partecipato alla cerimonia per l'intitolazione del Campo Sportivo di Campomorone a Samuele Robbiano, bambino morto nella tragedia del Ponte Morandi. Presenti Dennis Praet e direttore sportivo Carlo Osti. Quest'ultimo ha parlato di questa bella iniziativa: "È stata una iniziativa al quale abbiamo partecipato molto volentieri perché sappiamo quanto queste cose siano importanti. Ogni tanto anche noi, nell'ambiente del calcio, dobbiamo capire il contributo e la vicinanza che possiamo dare. Speriamo che gli amici possano giocare in un campo polivalente, sapendo che lui c'è ancora con memoria viva".

Possiamo già fare un bilancio della stagione? "I bilanci si fanno alla fine, abbiamo tre partite di importanza notevole, al di là del fatto che non ci siano più gli obiettivi che c'erano qualche tempo fa. Potremo fare valutazioni sui giocatori che abbiamo visto meno. Le partite devono essere onorate".

Farete delle valutazione anche su Giampaolo? "Noi abbiamo sempre fatto le valutazioni con l'allenatore, ha un anno di contratto, è in scadenza 2020. Avevamo detto che ci saremmo visti nella settimana successiva alla partita con il Verona, contro il Chievo, e precedente alla Juventus. Ci vedremo in quell'occasione. Capiremo se poter continuare il percorso che finora ci ha dato tante soddisfazioni. Dal punto di vista tecnico-calcistico il nostro allenatore ha dato un'impronta. Ne parleremo fra quattro mura, è la cosa più giusta".

Potreste accogliere la richiesta del tecnico di alzare l'asticella? "Le sue parole non ci hanno spiazzato, lo conosco da molti anni, l'ho portato a Treviso tanti anni fa. Siamo qui insieme da tre anni, a Genova. Lo conosco caratterialmente, penso che in certi momenti ci possano essere delle valutazioni dettate dall'andamento della gara. Le parole vanno interpretate nella maniera giusta. Faremo in modo di ritrovarci, come era già stato deciso prima della partita".

State già programmando la prossima stagione è una fase di stand-by? "La società non ha pause, va avanti. Sono qui da cinque anni, mi trovo bene con Ferrero, tutto il resto non ci interessa. Il mio futuro? Mi auguro di rimanere".

Vialli ha affermato che vorrebbe chiudere la carriera come dirigente, come commenta le sue parole? "È un grande personaggio, lo era da calciatore e gli davo tanti calci per fermarlo, era più veloce di me. Ha fatto una grande carriera nel post calcio, avrebbe lo spessore per fare il dirigente. Ma sono cose che volano sopra la mia testa"