Sampdoria, Giampaolo-Pioli: destini incrociati, come tre anni fa

di Redazione

L'ex tecnico viola vicinissimo, pronto a rivoluzionare gli schemi blucerchiati

Sampdoria, Giampaolo-Pioli: destini incrociati, come tre anni fa

Tempo di scelte e di possibili cambi per la Sampdoria. Prima di iniziare a programmare la prossima stagione, sarà fondamentale la scelta del prossimo allenatore. Marco Giampaolo, ancora in vacanza, è sempre più vicino all'approdo al Milan. Ovviamente per l'ufficialità bisognerà ancora attendere, anche perché il tecnico ha ancora un anno di contratto con la Samp. Il candidato numero uno per sostituire Giampaolo è Stefano Pioli. Ancora una volta le strade tra i due allenatori sembrano destinate a incrociarsi. Esattamente tre anni fa, nell'estate del 2016, Massimo Ferrero si ritrovò di fronte a una scelta importante: Giampaolo o Pioli per sostituire Vincenzo Montella. Dopo una lunga serie di colloqui Giampaolo vinse il testa a testa e la scelta si rivelò azzeccata.

Poco dopo il presidente blucerchiato affermò: "Pioli era una grande persona e l’avevo in mente da tempo, poi ho incontrato Giampaolo a casa mia e siamo stati piacevolmente due ore a parlare. Mi ha raccontato degli aneddoti che mi hanno lasciato entusiasta, ho trovato subito l’alchimia e il feeling, quindi ho deciso con l’istinto. Ringrazio ancora Pioli ed è stata veramente dura scegliere. Ho scelto la lealtà, l'umanità e la voglia di fare di quest’uomo".  Insomma tra Giampaolo e Ferrero fu subito 'amore', una scintilla che, nonostante la grande stima, non era scoppiata con Pioli. A distanza di tre anni adesso l'ex tecnico viola ha la possibilità di convincere nuovamente il presidente Massimo Ferrero. Prendere in mano la squadra, dopo tre anni assolutamente positivi di Giampaolo,  non sarà un compito facile.

L'ex Fiorentina, inoltre, ha un'idea di calcio molto diversa dall'attuale tecnico della Samp. In questi anni la squadra blucerchiata è stata plasmata sul 4-3-1-2, il modulo intoccabile di Giampaolo. Pioli ha utilizzato prevalentemente in carriera il 4-3-3, o in alternativa il 4-2-3-1. Un tecnico più elastico rispetto a Giampaolo, che non ha disdegnato in certe occasioni anche la difesa a tre. Di certo una scelta come questa imporrebbe alla società di intervenire in modo massiccio sul mercato, visto che la Samp è priva di esterni in grado di interpretare gli schemi di Pioli. L'esperienza è tutta dalla parte dell'ex viola che adesso appare pronto a una nuova avventura sulla panchina blucerchiata. Sensazione confermata da Ferrero: "È un grande allenatore e molto simpatico".