Sampdoria, Di Francesco: “Difficile estraniarsi dalle voci sulla cessione ma pensiamo al Sassuolo”

di Redazione

Il tecnico: “Chiedo a Ferrero di accontentarmi, non voglio più patire così”

Sampdoria, Di Francesco: “Difficile estraniarsi dalle voci sulla cessione ma pensiamo al Sassuolo”

La Sampdoria si prepara alla sfida in trasferta con il Sassuolo. Eusebio Di Francesco deve cambiare in fretta rotta dopo la pesante sconfitta subita all’esordio contro la Lazio. Tra cessione e un mercato non ancora decollato, il tecnico si concentra sulla sfida al Mapei Stadium: “Si riparte dagli atteggiamenti non voglio vedere una squadra patire così tanto, dobbiamo migliorare La Rosa ma non dobbiamo mollare. Voglio una squadra combattiva e abbiamo l’opportunità di riprendersi quanto mancato la settimana scorsa”

Maroni come sta? “Sono concentrato su altri calciatori, Gabbiadini probabilmente non giocherà dal primo minuto.”

È ipotizzabile un cambio di modulo?: “I moduli vanno a farsi friggere se l'atteggiamento non è quello giusto. Si è visto domenica, alcuni errori sono proprio di superficialità e distrazione. Ma non facciamo drammi, siamo all'inizio"

Come si è allenata la squadra? “Ho detto che il calcio ti da una grande opportunità, avremmo voluto tutti un altro esordio. Mi ha sorpreso la prestazione di domenica, oggi dico che hanno tutti voglia di dimostrare di non essere quelli con la Lazio.

Il presidente oggi ha fatto visita a Bogliasco. “Il presidente è sempre ottimista, confermo il fatto che mi auguro che le mie richieste possano essere accontentate”

Cosa ne pensa del Sassuolo? “Conosco bene il Sassuolo. Hanno un sistema di gioco collaudato. Giocano insieme da più di un anno. Mi auguro di poter aiutare i miei a togliere le loro fonti principali di gioco dato che è una squadra che cerca sempre qualcosa in fase di palleggio. Ricordo il Sassuolo con stima, affetto e amore. Sono stati anni indimenticabili, soprattutto per essere riusciti ad arrivare in Europa League, con un progetto tecnico importante e una mentalità. E queste caratteristiche le rivedo. Dobbiamo essere noi bravi ad entrare in quest’ordine di idee.”

Estraniarsi dalla cessione? “È difficile sentendone sempre parlare, spero che questa tarantella finisca il prima possibile in modo da finire il mercato e ripartire con i presupposti giusti. Domani c’è una partita e dobbiamo pensare a quella.”