Condividi:


Roma-Sampdoria 2-1, ordine e lotta non bastano: Dzeko è implacabile

di Alessandro Bacci

I blucerchiati passano in vantaggio ma calano nella ripresa. La prestazione è buona ma i giallorossi ribaltano il risultato

Nulla da fare, la Sampdoria esce sconfitta 2-1 all'Olimpico dalla Roma. La squadra si dimostra totalmente cambiata sia nel modulo che nella mentalità rispetto alla sconfitta di Milano, ma non basta. Ranieri punta sul 4-5-1 con Gabbiadini unica punta e un centrocampo ricco di fisicità con Ekdal, Linetty e Thorsby. I blucerchiati sono finalmente ordinati e con un'idea concreta di gioco ma non riescono a contenere per 90 minuti la Roma di Fonseca.

Il primo tempo si apre con due brividi per la Sampdoria. Dopo soli cinque minuti Audero compie una delle migliori parate della sua carriera respingendo un diagonale di Dzeko diretto in porta. Il portiere si esalta e al 9' respinge anche un colpo di testa di Pastore con grande istinto. I miracoli dell'estremo difensore svegliano i blucerchiati. Un minuto più tardi Gabbiadini sfrutta un retropassaggio sciagurato dei difensori giallorossi, scarta Mirante e spinge il pallone in rete. Un vantaggio preziosissimo per la Samp. Il 4-5-1 funziona alla grande e i blucerchiati si dimostrano solidi in difesa riuscendo a creare notevoli problemi nelle ripartenze. Jankto colpisce un palo clamoroso con un destro dal limite. Al 30' il var annulla una rete splendida di Veretout, ma l'azione è macchiata da un tocco con il braccio che Calvarese valuta falloso. Il primo tempo è ricco di emozioni ma la Sampdoria va a riposo in vantaggio di 1-0.

Nella ripresa il pressing della Samp si attenua con il passare dei minuti. Fonseca inserisce la qualità di Cristante e Pellegrini. Proprio dai piedi del centrocampista italiano parte l'assist al 62' per Dzeko che calcia al volo di sinistro e fulmina Audero. La difesa si addormenta e il bosniaco è implacabile. 1-1 con una Roma in evidente crescita. La Samp fatica a ripartire ma si dimostra ordinata. Quando il pareggio era nell'area i giallorossi non perdonano. Ancora Dzeko sfrutta un pallone in profondità e batte nuovamente Audero all'84'. 2-1 ma nuova dormita della retroguardia, troppo molle in marcatura. Nel finale la Sampdoria prova il tutto per tutto ma la Roma non concede spazi. Termina 2-1 con l'amarezza di tornare a casa senza punti dopo una prestazione nel complesso positiva.