Riattivato il treno che collega il porto della Spezia all'interporto di Prato

di Edoardo Cozza

L'iniziativa ha un impatto in favore dell'ambiente: si riesce a togliere l'equivalente di 150 camion a settimana dalle strade d'Italia

Riattivato il treno che collega il porto della Spezia all'interporto di Prato

Riattivato da questa settimana il treno che collega il porto di La Spezia con l'Interporto della Toscana Centrale di Prato. Lungo oltre 400 metri, il convoglio ha trasportato 37 container con tonnellate di merce. Il treno, spiega una nota, grazie all'iniziativa dell'operatore logistico internazionale Dsv Spa, che in collaborazione con Logtainer e i Magazzini Generali Doganali di Prato ha consentito di trasportare su ferro materiale di importazione proveniente per
lo più dall'estremo oriente e destinato alle aziende dell'area metropolitana.

L'iniziativa ha un impatto in favore dell'ambiente: per spostare dal porto di La Spezia a Prato la merce sarebbero serviti una cinquantina di camion che avrebbero appesantito il traffico autostradale e quello locale. Il treno avrà una cadenza settimanale per il primo periodo, per poi attestarsi su una frequenza di due collegamenti a settimana. "In uno scenario completamente stravolto da una catena logistica in forte sofferenza - spiegano da Dsv Spa -, sentiamo il dovere di individuare soluzioni alternative, parallele a quelle esistenti, che possano ridurre gli attuali disagi e migliorare i servizi presenti sul mercato". I servizi del terminal intermodale di Prato vengono gestiti dai Magazzini Generali, di cui l'Interporto della Toscana Centrale è proprietario al 100%. Il collegamento con La Spezia, inoltre, si va ad affiancare ad altri traffici provenienti dal nord Italia e dalla Slovenia, che consentono di trasportare in modo sostenibile materiale
siderurgico e lavorati edili.

Questa merce arriva in treno all'Interporto di Prato e poi con la politica dell'ultimo miglio viene consegnata alle aziende del territorio. In totale, fra cemento, materiale marittimo e acciaio, l'Interporto riesce a togliere l'equivalente di 150 camion a settimana dalle strade d'Italia.