Renzo Piano: "Un ponte non può crollare, serve un piano generale"

di Redazione

Al Senato l'architetto genovese ha parlato di periferie con gli studenti e i professori delle università

Renzo Piano: "Un ponte non può crollare, serve un piano generale"

L'Italia "è un paese bellissimo ma fragile, bisogna mettersi a lavorare sul territorio, ci vuole un progetto di livello che duri perché questi interventi hanno bisogno di tempo".  Al Senato con gli studenti e i professori delle università per presentare i progetti 2019  del suo "rammendo delle periferie" , l'architetto genovese Renzo Piano affronta anche il dramma dei ponti che crollano, dei terremoti, del territorio che si sgretola sotto le grandi piogge: "Abbiamo problemi nelle periferie, ma anche idraulici, geologici: un ponte non può crollare. Se crolla si ricostruisce, certo, ma è una sofferenza, per questo dico alla politica che ci vuole un piano generale e che serve un maggiore radicamento con la realtà".