Rapinato di cellulare e sigarette, insegue due rapinatori, ma viene bloccato dal “palo”

di Redazione

Ventenne bulgaro minacciato: “Non provare a seguirci...”. Poi uno dei tre è stato fermato dalla polizia

Rapinato di cellulare e sigarette, insegue due rapinatori, ma viene bloccato dal “palo”

Un giovane bulgaro è stato rapinato del telefonino e di un pacchetto di sigarette che stringeva in mano e poi minacciato da tre sconosciuti. Il ragazzo, 19 anni, dopo essere stato aggredito da due uomini che gli hanno strappato quanto aveva in mano, ha provato a seguirli, ma è stato bloccato da un terzo uomo, forse il “palo”, comparso all'improvviso, che gli si è messo davanti minacciandolo: “Non provare a seguirci...”.

La rapina è avvenuta la scorsa notte fra via Gramsci e in piazza della Nunziata, nel centro storico: i tre uomini, magrebini, sono poi scappati con la refurtiva nei vicoli di via Prè.

Al giovane non è rimasto che fermare un passante per chiedere il telefonino e lanciare l'allarme al numero unico 112. Sul posto è giunta la pattuglia della volante San Lorenzo del commissariato di piazza Matteotti che ha svolto dei controlli nei vicoli alla ricerca di persone che potessero somigliare ai tre rapinatori: le ricerche dopo circa mezz'ora hanno permesso di individuare il “palo”, un marocchino, che ha evitato l'arresto perché era trascorsa la fragranza ed è stato denunciato per rapina e minacce.