Condividi:


Quezzi, cucciolo di faina morente salvato dall'Enpa

di Redazione

Il giovane animale ha ricevuto le cure necessarie, era mangiato dai parassiti

Brutta disavventura per un cucciolo di faina, trovato con aria spaesata che giaceva a bordo di una strada, nel quartiere di Quezzi a Genova. Per qualche ragione l'animale deve aver smarrito la madre. Era debole ed è stato letteralmente preso d'assalto da parassiti di vario tipo: ricoperto di pulci, zecche, acari, croste e uova di mosca carnaria.

Il cucciolo è stato trasportato al CRAS (Centro di Recupero per Animali Selvatici) dove ha ricevuto un trattamento completo, è stato reidratato, pulito, lavato e spazzolato. Inoltre è stato applicato un antiparassitario. Nella foto, pubblicata dall'ENPA, adesso ha già tutto un altro aspetto. I volontari affermano che la piccola faina mangia di gusto, aumenta di peso ed è sulla buona strada. Tuttavia, non è ancora fuori pericolo:  è molto piccolo e necessita di cure. Se tutto andrà bene un giorno potrà tornare a correre libero.