Ponte Morandi, udienza rinviata a venerdì. Chiesta l'esclusione di associazioni e comitati a parte civile

di Alessandro Bacci

Alcuni legali hanno chiesto la citazione come responsabile civile anche di Anas, Spea e del ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili

Ponte Morandi, udienza rinviata a venerdì. Chiesta l'esclusione di associazioni e comitati a parte civile

E' stata rinviata a venerdì l'udienza preliminare sul crollo del ponte Morandi. Il giudice Paola Faggioni ha rinviato per consentire la discussione sull'ammissibilità delle ultime richieste di costituzione di parte civile presentate ancora oggi. Alcuni legali hanno chiesto oggi anche la citazione come responsabile civile (chi pagherà i danni in caso di condanne) anche di Anas, oltre che di Aspi, Spea e del ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili. 

All'udienza preliminare i legali di alcuni imputati hanno chiesto l'esclusione dal processo come parti civili delle associazioni e comitati, tra cui quella dei familiari delle vittime, e dei sindacati. Inoltre è stato chiesto sempre dai legali di non fare costituire le parti civili contro le due società Aspi e Spea, imputate nel processo per responsabilità amministrativa dell'ente. L'udienza sta proseguendo con le discussioni e il giudice deciderà al termine delle varie discussioni.