Condividi:


Ponte Morandi, dopo un anno il libro con la storia delle vittime

di Fabio Canessa

Dall'idea di Benedetta Alciato, parente della famiglia Robbiano distrutta dal crollo

Potrebbe essere pronto il 14 agosto 2019 il libro che racconterà il giorno della tragedia di Ponte Morandi attraverso la storia delle vittime e la testimonianza dei loro familiari. Il volume, che sarà composto da decine di mani, è un'idea di Benedetta Alciato, parente di Roberto Robbiano, Ersilia Piccinino e del piccolo Samuele, la famiglia di Campomorone (Genova) distrutta nel crollo.

Benedetta, che fa parte del comitato dei familiari delle vittime del Morandi, ha chiesto durante gli incontri e nei tanti scambi via chat chi volesse contribuire al volume. "Il libro - spiega l'ideatrice - sarà diviso in due parti, nella prima il racconto in prima persona, di ognuno di noi, di quel giorno, la seconda parte invece sarà una serie di biografie dei nostri familiari, e cercherà di essere allegra, leggera, una memoria positiva".

Non tutti i parenti delle vittime di ponte Morandi hanno voluto partecipare alla stesura del libro, ma gran parte di loro sì, qualcuno anche dall'estero. "Contattare tutti e spiegare il senso del progetto è stato un lavoro difficile - sottolinea Benedetta Alciato - ma in molti hanno capito e speriamo di ultimare il lavoro entro il prossimo 14 agosto".