Paralitico per incidente sul lavoro, ma aveva finto di essere stato investito da un'auto pirata tra Chiavari e Lavagna

di Edoardo Cozza

L'episodio risale al 2018: un operaio di un cantiere autostradale era caduto da un viadotto, ma d'accordo col capo e i colleghi aveva simulato l'investimento

Paralitico per incidente sul lavoro, ma aveva finto di essere stato investito da un'auto pirata tra Chiavari e Lavagna

Avevano simulato un incidente stradale, con tanto di auto pirata, per nascondere in realtà un infortunio sul lavoro. Ora la procura di Genova ha indagato il titolare di una ditta che si occupa di manutenzioni stradali di Asti e i suoi dipendenti oltre che la vittima stessa. I fatti risalgono a ottobre 2018 quando alcuni operai impegnati sulla A12, tra i caselli di Chiavari e Lavagna per la rimozione di alcune barriere, denunciano che un loro collega, all'epoca 32 anni, era stato investito all'alba da una auto pirata che l'aveva trascinato per alcuni metri.

Gli investigatori della polizia stradale acquisiscono tutte le telecamere e a quell'ora, poco dopo le cinque del mattino, notano una sola vettura che transita su quel tratto. Riescono a ricostruire tutto il percorso della vettura e la rintracciano a Bologna. La macchina però era stata acquistata da poco e non presentava alcuna ammaccatura. L'operaio era stato ricoverato in ospedale in gravissime condizioni ed era rimasto paralizzato. Nei mesi successivi arriva in procura una telefonata anonima che racconta tutta un'altra storia. L'anonimo spiega di essere amico di uno degli operai e di avere saputo che la vittima non era stata investita ma era caduto dall'inizio del viadotto rio Rezza mentre usava un macchinario che si era ribaltato. I suoi colleghi lo avevano preso, caricato su un furgone, e portato in strada simulando l'incidente.

Gli investigatori, coordinati dal pubblico ministero Daniela Pischetola, scoprono che nel frattempo il mezzo ribaltato era stato portato ad Asti e ne era stato denunciato il furto. Il macchinario era stato poi ritrovato con alcuni pezzi mancanti. Il datore di lavoro, gli operai e la stessa vittima hanno sempre sostenuto la tesi dell'investimento. Il pubblico ministero, che in questi giorni ha chiuso le indagini, li ha invece indagati a vario titolo per lesioni gravissime, simulazione di reato e favoreggiamento