Condividi:


Pandev: "I 100 gol? Che bello arrivarci con addosso la maglia del Genoa!"

di Marco Innocenti

E sul suo futuro: "La mia idea è di smettere dopo l'Europeo. Ora pensiamo a salvarci poi parlerò col presidente e vedremo"

"Oggi era importante vincere, ma non ci siamo riusciti" Così Goran Pandev, protagonista assoluto di venti minuti da urlo che rendono Genoa-Benevento una delle gare più pazze degli ultimi anni. "Siamo andati due volte in svantaggio, poi l'abbiamo recuperata e pensavo di vincerla, però il Benevento ha fatto la sua partita e nel secondo tempo si è difeso bene, portando a casa un punto meritato. Noi dobbiamo tornare quelli di prima, non siamo ancora salvi e queste partite le dobbiamo vincere sennò si fa dura fino alla fine . Ora abbiamo qualche giorno per ricaricare le energie e pensare allo scontro salvezza di sabato".

I 100 gol in serie A: "Sono tanti anni che sono in Italia, è un bel traguardo. Sono felice e non me lo aspettavo di fare così tanti gol perché non sono una prima punta di ruolo. Sono felicissimo perché ho raggiunto questo record con la maglia della squadra più antica d’Italia".

L'ultima battuta è sul suo futuro, quello di un ragazzo di quasi 38 anni che non finisce mai di stupire: "Quando penso di smettere? - sorride Pandev - Non lo so, quante giornate mancano alla fine? Più le tre partite almeno dell'Europeo... scherzi a parte, adesso è più importante pensare a salvarsi poi parlerò con il presidente e con il direttore sportivo. La mia idea è di finire dopo l’Europeo ma fisicamente sto bene. Si vedrà dopo l’Europeo».