Paganini Genova Festival, confermata la quarta edizione

di Redazione

L'appuntamento con la grande classica sarà nel mese di ottobre

Paganini Genova Festival, confermata la quarta edizione

Si svolgerà fra il 4 e il 28 ottobre la quarta edizione del “Paganini Genova Festival”.

Nei giorni scorsi il Comitato Organizzatore formato da Regione Liguria, Comune di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice, Fondazione Hruby, Conservatorio “Niccolò Paganini” e Associazione “Amici di Paganini” (quest’ultima incaricata ad agire come “braccio” operativo) ha ufficialmente varato il nuovo cartellone che potrà contare anche quest’anno sul sostegno della Compagnia di San Paolo quale maggior sostenitore.

Nei mesi scorsi il cartellone era già stato messo a punto, ma poi la pandemia e il conseguente lockdown hanno bloccato i lavori e  imposto una serie di revisioni del programma che come in passato offrirà concerti, conferenze divulgative, momenti di riflessione critica, incontri su vari argomenti legati al Paganini, ma anche, più in generale, all’ambiente culturale e artistico del suo tempo.

Allo stato attuale si stanno valutando con attenzione le sedi per trovare le soluzioni più idonee che consentano di garantire la sicurezza richiesta dalla situazione e nello stesso tempo, la migliore fruizione da parte del pubblico.

Fra gli appuntamenti fissati si possono segnalare i due concerti inseriti nella stagione sinfonica del Carlo Felice che per decisione del sovrintendente Claudio Orazi, intende collaborare ancor più strettamente con il Festival: il 18 ottobre Andrea Battistoni dirigerà il violinista Kevin Zhu (vincitore del Premio Paganini 2018) nel Concerto per violino e orchestra di Elgar, mentre il 27 ottobre sarà Massimo Quarta (vincitore del Premio Paganini nel 1991) a interpretare con il Cannone un Concerto paganiniano.

L’apertura del Festival, il 4 e 5 ottobre, offrirà invece una “due-giorni” di sicuro interesse per i giovani musicisti, diplomati o diplomandi e per il pubblico degli appassionati: sarà infatti proposto un seminario dal titolo “Professione musica” al quale parteciperanno personalità diverse (dall’esperto in contratti al manager, dal sovrintendente all’agente, dall’esperto di comunicazione all’addetto stampa, dal direttore di Conservatorio al dirigente dell’Ufficio Scolastico) per illustrare il mestiere del musicista da varie angolazioni e dare quindi utili consigli a chi si appresta a entrare nel mondo lavorativo. Sono anche previsti alcuni spettacoli estivi in Regione che serviranno da “prologo” al Festival di ottobre: di questi appuntamenti sarà data dettagliata notizia nei prossimi giorni.