Nuovo crollo del mercato dell'auto in Italia: -27,3% di immatricolazioni in agosto

di Alessandro Bacci

Da inizio anno si registra un +30,9% delle immatricolazioni rispetto al 2020, ma il -20% rispetto al 2019

Nuovo crollo del mercato dell'auto in Italia: -27,3% di immatricolazioni in agosto

Il mercato italiano dell'auto registra un nuovo crollo nel mese di agosto e teme ulteriori cali nel futuro: le immatricolazioni - secondo i dati del ministero dei Trasporti - sono state 64.689, il 27,3% in meno dello stesso mese del 2020. Da inizio anno sono state vendute 1.060.182 vetture, in crescita del 30,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma in calo del 20% sul 2019. Pesano la fine degli ecobonus e la crisi dei microchip, sottolineano gli operatori del settore, che chiedono all'unisono il rifinanziamento degli incentivi. Stellantis ha venduto nel mese 21.636 auto, il 36,3% in meno del 2020, mentre negli otto mesi le immatricolazioni del gruppo sono state 412.580 (+31,3%) con la quota che sale al 39%.

Sei modelli sono nella 'top ten' di agosto: Fiat Panda sempre in testa alla classifica (3.009 unità), seguita, al secondo posto, dalla Fiat 500 (2.444) dalla Lancia Ypsilon (2.056), al quinto dalla Jeep Renegade, che sale di ben tre posizioni, al settimo dalla Jeep Compass e, al nono, dalla Fiat 500X. Il peggioramento del mercato italiano dell'auto è dovuto "al venir meno del sostegno alle vendite dato dagli incentivi alla rottamazione previsti per il primo semestre del 2021 per le vetture con emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 gr/km" e "all'estendersi della crisi nelle forniture di microchip con ripercussioni pesanti sull'attività produttiva e quindi sui tempi di consegna delle autovetture" spiega il Centro Studi Promotor. "Ciliegina sulla torta è poi il fatto che a fine agosto si è esaurito lo stanziamento per gli ecobonus per l'acquisto di vetture con emissioni di CO2 da 0 a 60 gr/km. Si è prodotta una situazione che definire tempesta perfetta sull'auto è assolutamente appropriato".