Condividi:


Maresca: "Dispositivi antirumore nel bacino di Pra': i cittadini dormiranno più tranquilli"

di Marco Innocenti

Tre novità contro l'inquinamento acustico

Buone notizie per i cittadini che abitano nelle zone limitrofe al porto di Pra', che da tempo lamentavano disagi a non finire, soprattutto nelle ore notturne, a causa dei rumori provenienti dal porto. "E' un percorso iniziato sette mesi fa - ha spiegato l'assessore allo sviluppo economico portuale Francesco Maresca - quando sono andato a casa di cittadini di Pra' e mi sono accorto dei disagi che questi cittadini pativano a causa dei rumori, soprattutto la notte, provenienti dal vicino porto. Con la mia nomina ad assessore abbiamo aperto un tavolo, che si chiama 'Pra' Palmarium', e insieme alle associazioni del quartiere, al Municipio, all'AdSP, Psa e Ferrovie e tutti i soggetti interessati abbiamo lavorato per ridurre drasticamente l'inquinamento acustico".

"Proprio in questi giorni - prosegue Maresca - sono stati installati alcuni dispositivi utili ad abbattere l'inquinamento acustico. Innanzitutto l'AdSP e Psa hanno installato un dissuasore di velocità nel viadotto che collega il terminal con l'autostrada. In questo modo si è ridotto il rumore che fino ad oggi era prodotto dal passaggio dei tir sui giunti presenti sul manto stradale, con un miglioramento sia della sicurezza che della vita notturna dei cittadini. Poi è stato installato un passaggio a livello che consente alle società ferroviarie all'interno del porto di non dover frenare ma di poter transitare liberamente, seppur a velocità ovviamente ridotta. Questo perché gran parte dei rumori erano prodotti dalle frenate dei convogli, specialmente di notte, anche in questo caso".

"Il terzo miglioramento - spiega ancora l'assessore Maresca - è stato l'inserimento, da parte della società FuoriMuro, nei suoi locomotori di un dispositivo che consente ai motori di spegnersi dopo 10 minuti di inattività. Anche in questo senso, soprattutto di notte, la popolazione può dormire sicuramente sonni più tranquilli rispetto al passato".

Condividi: