La genovese Bottazzi candidata al Nobel per la pace: ha sviluppato un vaccino anti-covid

di Edoardo Cozza

La ricercatrice originaria del capoluogo ligure, docente al Baylor College of Medicine di Houston, ha creato un siero efficace e accessibile a tutti

 

La ricercatrice genovese Maria Elena Bottazzi è stata candidata al Premio Nobel per la pace insieme al collega Peter Hotez. La Bottazzi, originaria del capoluogo ligure, cresciuta in Honduras e oggi docente al Baylor College of Medicine di Houston negli Stati Uniti, ha sviluppato il Corbevax, un vaccino anticovid approvato in India pochi mesi fa: l'efficacia è superiore all'80% e non è coperto da alcun brevetto, il che lo rende accessibile a tutti i Paesi poveri, quelli che faticano a coprire i costi per la vaccinazione della popolazione. 

La richiesta di candidare la Bottazzi e Hotez è arrivata da una deputata americana della zona di Houston con la motivazione: "Da anni lavorano per la fraternità tra nazioni e sono persone che il premio nobel per la pace incarna e celebra".

Sui social, la dottoressa Bottazzi si è detta emozionata e contenta e ha ringraziato i tanti italiani che le hanno scritto, ricordando le sue origini liguri. "Aiutare i paesi poveri - ha detto- è un privilegio davvero speciale".