Condividi:


La cucina ligure una delle migliori espressioni della dieta mediterranea

di Alessandro Bacci

A Genova il congresso nazionale della Società Italiana di Nutrizione Umana

Trenette al pesto, torte di verdura e anche un dolce della tradizione. La cucina ligure, se presa nelle dosi giuste, può essere anche salutare perché si tratta di
una delle migliori espressioni della "dieta mediterranea". A certificarlo, gli esperti della Società Italiana di Nutrizione Umana che terrà a Genova, dal 27 al 29 novembre, il congresso nazionale. "L'Italia è un esempio eclatante del rapporto tra buona cucina e sana alimentazione - spiega Francesco Sofi, segretario
della società di nutrizione umana - e la Liguria ne è un buon esempio. I nutrizionisti hanno fissato i parametri tecnici dell'alimentazione corretta e la dieta Ligure ha tutte le caratteristiche della dieta mediterranea, con molti alimenti di tipo vegetale, l'uso di olio di oliva e, sopratutto, l'uso di pesce e di carboidrati, che nelle giuste quantità non devono essere demonizzati".

Per dare un segnale, gli chef di Genova Liguria Gourmet, che hanno partecipato a un corso dell'Università di Genova e della Suni, sperimenteranno il menu "Liguria Benessere", che è stato approvato dai dietisti. "Un menu rispettoso della salute dal punto di vista nutrizionale - ha sottolineato Maurizio Caviglia,
segretario generale della Camera di Commercio - ma anche della tradizione della nostra cucina". Il congresso, che coinvolgerà oltre 600 tra nutrizionisti,
medici, biologi, dietisti e altre figure professionali da tutta Italia, sarà anche occasione di promozione del territorio.

"Secondo alcuni dati, il 48% delle persone scelgono la propria metà di viaggio per la cucina - spiega l'assessore alla cultura del Comune di Genova, Barbara Grosso - e questo convegno diventa occasione per attrarre un numero sempre maggiore di turisti".