Imperia, previsti 3250 nuovi ingressi nel mondo del lavoro entro ottobre 2021

di Marco Innocenti

Bosio (Cisl): "Segnali positivi ma siamo ancora costretti a combattere con il gap infrastrutturale"

Imperia, previsti 3250 nuovi ingressi nel mondo del lavoro entro ottobre 2021

Secondo le rilevazioni mensili del Sistema Informativo Excelsior realizzate da Unioncamere in accordo con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro nella provincia di Imperia nel periodo agosto-settembre – ottobre 2021 saranno circa 3250 gli ingressi nel mondo del lavoro. Questi dati sono formulati in base alle richieste delle aziende. C’è stato un deciso aumento rispetto al trimestre agosto, settembre e ottobre 2020 quando gli ingressi nel mondo del lavoro erano stati 1780.

“Sicuramente sono segnali positivi - commenta Claudio Bosio, segretario della Cisl di Imperia - che dimostrano le potenzialità del territorio e la sua vocazione verso il terziario visto che la fetta più importante riguarda i servizi con 2700 ingressi (590 nel commercio, 1240 nei servizi di alloggio, ristorazione e servizi turistici) mentre 550 sono le richieste nell’industria.  Sono stime che danno fiducia anche se siamo costretti ancora a combattere col gap infrastrutturale. Penso al raddoppio ferroviario del ponente, alla mancanza di collegamento tra Ventimiglia e Limone Piemonte ma anche ai disagi causati da autostrade. Cosi non va bene, senza dimenticare anche la necessità di puntare su opere importanti come il Porto di Ventimiglia e il completamento della ciclopedonale sempre a Ventimiglia. L’imperiese ha grandi opportunità da offrire ma senza infrastrutture sarà problematico esprimerle al massimo”.