Imperia, Mulé: "Vespucci e Frecce tricolori: i cittadini hanno riconosciuto il meglio dell'Italia"

di Marco Innocenti

"Insieme, ci hanno regalato uno spettacolo straordinario che non dimenticheremo. In occasione di questo primo appuntamento storico, ho avuto il piacere di essere qui"

Imperia, Mulé: "Vespucci e Frecce tricolori: i cittadini hanno riconosciuto il meglio dell'Italia"

Dopo la grande festa andata in scena ieri nel mare e nel cielo di Imperia, con l'Amerigo Vespucci e le Frecce Tricolori a salutare la città, il sottosegretario alla difesa Giorgio Mulé esprime tutta la sua soddisfazione per una giornata che ha messo in mostra l'eccellenza delle forze armate italiane: “Imperia ha fatto da testimone a un matrimonio unico e di assoluta bellezza trasformandosi in una cattedrale sul mare diffusa - ha detto Mulé - Per la prima volta l’eleganza dell’Amerigo Vespucci, fiore all’occhiello della Marina Militare, si è unita all’eccellenza mondiale delle Frecce Tricolori. Insieme, ci hanno regalato uno spettacolo straordinario che non dimenticheremo. In occasione di questo primo appuntamento storico, ho avuto il piacere di essere accanto alla gente di Imperia. Ogni aspetto organizzativo è stato curato nei minimi particolari. E la presenza di quasi 100 mila spettatori è stata gestita con scrupolo e ordine, lasciatemi dire, militare. Ho visto quanto lavoro c’è voluto, dalle ricognizioni al coordinamento di tutti i particolari".

"Un grande lavoro iniziato settimane, se non mesi prima - afferma ancora Mulé - Alla fine, la macchina organizzativa guidata dal sindaco Claudio Scajola si è dimostrata un orologio di massima precisione. Grazie alle forze dell’ordine e di sicurezza, ai volontari, alle associazioni. A quanti hanno dato un contributo per realizzare la  manifestazione. Mai matrimonio poteva essere celebrato in un modo migliore di questo. Il grazie più grande va ai cittadini che in maniera composta si sono goduti l’esibizione e la visita a bordo del Vespucci. Lo hanno fatto con orgoglio e commozione perché si sono riconosciuti e hanno riconosciuto il meglio dell’Italia in chi stava in cielo a bordo delle Frecce e alla fonda sul Vespucci. La festa di questo fine settimana ci chiama adesso a nuove sfide. Non sveliamo nulla, ma ci stiamo già lavorando…”.