Condividi:


Gronda, Bagnasco: "Dietro l'analisi, i 5S nascondono il solito pregiudizio ideologico"

di Marco Innocenti

"Riprova del fallimento del governo gialloverde. Non vorrei che l'intesa giallorossa porti a qualcosa di ancor peggio"

Continua la pioggia di reazioni, da parte di tutto il mondo politico, alla pubblicazione dell'analisi costi-benefici da parte del Ministero delle Infrastrutture sul progetto della Gronda di Ponente. "Dietro l'analisi - commenta il deputato di Forza Italia Roberto Bagnasco - Toninelli e compagni nascondono il solito pregiudizio ideologico. Il ministro Toninelli ha aspettato le ore 20 di un giorno di fine estate, con una crisi di Governo in corso, che si è chiusa con le dimissioni del Presidente del Consiglio".

Il deputato forzista ricorda poi il dibattito di anni, i confronti pubblici e le consultazioni: "Toninelli mette nuovamente in discussione la cosiddetta bretella - prosegue Bagnasco - che rappresenta un punto centrale di snodo per smistare il traffico e collegare il territorio. Forza Italia s'interroga su quali saranno esattamente le penali da pagare se l'opera, già avviata, non dovesse essere possibile completarla. Questa è l'ulteriore riprova di quanto sia stato fallimentare il Governo giallo-verde ma, dal momento che non vi è limite al peggio, non vorrei che arrivasse un nuovo esecutivo giallo-rosso che potrebbe non risparmiarci una brutta copia del Toninelli. Auspico pertanto, come dichiarato dal Presidente Silvio Berlusconi, che si torni presto alle urne per ridare voce direttamente ai cittadini".