Genova, incidente in via Cadighiara: il pirata della strada racconta di aver creduto di aver urtato un cassonetto

di Marco Innocenti

Il giovane stava rientrando insieme ad alcune amiche dopo una serata in discoteca. Sulla sua auto gli agenti hanno trovato ancora tracce di sangue

Genova, incidente in via Cadighiara: il pirata della strada racconta di aver creduto di aver urtato un cassonetto

Non si era accorto di aver investito una persona, pensava di aver urtato un cassonetto. Si sarebbe difeso così N.C., il 22enne che, all'alba di sabato, in via Cadighiara a Borgoratti ha falciato una donna che si stava recando al lavoro, nel bar che gestisce lì vicino insieme al marito. Dopo l'incidente, il ragazzo non si è fermato per prestare soccorso ed ora è accusato di lesioni gravissime e omissione di soccorso.

Gli agenti della sezione infortunistica della polizia locale di Genova, coordinati dalla dirigente Federica De Lorenzisono risaliti a lui grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza. Pur non avendo ripreso la targa del veicolo sul quale viaggiava il giovane, hanno però notato che una seconda auto si era fermata insieme a quella coinvolta nell'incidente, davanti ad una focacceria poco distante.

Una volta scoperto chi guidava la seconda auto, del tutto estranea all'investimento, è bastato interrogare la ragazza alla guida per farsi dire il nome del guidatore dell'auto pirata. Il ragazzo, in auto, non era da solo ma in compagnia di un paio di amiche che adesso rischiano una denuncia per favoreggiamento.