Genova, accoltella amico di famiglia perché gli scatta foto con cellulare

di Redazione

Cinquantenne grave in ospedale, l'autore del ferimento denunciato dalla polizia

Genova, accoltella amico di famiglia perché gli scatta foto con cellulare

Accoltella e ferisce in modo grave un amico di famiglia solo perché gli voleva scattare una foto con il telefonino. La lite fra i due è accaduta alle 23 di ieri sera in un circolo privato del Cep di Prà, in via Due Dicembre, ma la polizia ne ha avuto notizia solo due ore dopo quando il ferito si è recato in ospedale.

L'uomo, 56 anni, appena giunto al pronto soccorso di Voltri ha mentito raccontando di essere caduto sulle scale, ma il medico si è accorto subito che le sue ferite alla schiena erano state procurate da ferite da arma da taglio e ha avvertito il 112.

Sono stati gli agenti delle volanti e gli investigatori della squadra mobile a ricostruire in piena notte la vicenda ed identificare l'autore dell'accoltellamento, un quarantenne, forse lontano parente del ferito, poi denunciato per lesioni gravi. Rischia qualche guaio anche una donna che era all'interno del circolo perché subito dopo l'accoltellamento ai primi agenti arrivati sul posto aveva detto che non era successo nulla.

La donna aveva poi rettificato in parte la sua versione agli agenti tornati nel circolo in piena notte, ammettendo che davanti al circolo c'era stata una lite fra avventori con cocci di bottiglie  e aggiungendo di non averlo detto perché "tanto fatti di quel tipo ne accadono di continuo".