Condividi:


Genova, a Diego Barbieri la bandiera della Liguria in segno di riconoscimento

di Anna Li Vigni

Nominato Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per "la forza e l'impegno con cui trasmette l'amore per la montagna"

Una bandiera della Regione Liguria è stata consegnata dal presidente Giovanni Toti in segno di riconoscimento a Diego Barbieri, 14enne di Ceranesi nominato dal Capo dello Stato Sergio Mattarella Alfiere della Repubblica "per la forza e l'impegno con cui trasmette l'amore per la montagna". Presenti alla cerimonia anche l'assessore regionale alla Formazione Ilaria Cavo, il direttore scolastico Ettore Acerra, il preside dell'istituto Noli di Campomorone Giacomo Arena, l'insegnante Stefano Piana, il papà del ragazzo, alcuni compagni di classe.Il ragazzo dopo un grave incidente patito a 8 anni, è stato curato al Gaslini . Dopo un percorso di riabilitazione è stato capace di reagire tornando in montagna attraverso un progetto formativo sviluppato a scuola. "Diego è un esempio della grande capacità di lottare e raggiungere degli obiettivi. In un momento in cui tutti stanno lottando per la vita e per sconfiggere la pandemia, credo che l'esempio di un ragazzo che ha vissuto un'esperienza molto difficile, ma che ce l'ha fatta, ci ricorda la grande capacità umana di risolvere i problemi e di vincere la sorte", ha detto Toti. "Quella di Diego è una storia commovente, ma anche di grande stimolo, ha detto l'assessore Ilaria Cavo.

Questo riconoscimento per Diego non è personale ma è il riconoscimento per l'intera classe, la 3 D dell'Istituto di Campomorone, una classe che ha saputo unirsi fare percorsi in montagna e permettere a un ragazzino come lui, vittima di un incidenza terribile, di poter scalare di nuovo le montagne". "Quando avevo 8 anni purtroppo mi è successo un incidente, dopo l'ospedale sono tornato a casa con qualche problemino. Grazie a mio fratello, la mia famiglia, i compagni e il mio professore d'Italiano Stefano Piana ho potuto sviluppare la passione per la montagna. La soddisfazione più grande è arrivare in cima alla vetta, ti dà una sensazione di grande libertà e forza. Ma per farlo ho avuto bisogno dei miei compagni ed è per questo che voglio condividere con loro questa onorificenza".