Genova, 16enne arrestato per furto aggredisce con sputi, calci e pugni un poliziotto

di Alessandro Bacci

I carabinieri intervenuti con sei uomini per accompagnare il ragazzino al Centro di Prima Accoglienza. L'agente trasportato d'urgenza in ospedale

Genova, 16enne arrestato per furto aggredisce con sputi, calci e pugni un poliziotto

Un 16enne marocchino senza fissa dimora è stato arrestato per furto aggravato e accompagnato da ben sei carabinieri di Recco presso il Centro Prima Accoglienza di Genova. Dopo l’immatricolazione il ragazzino ha aggredito brutalmente l’agente di Polizia Penitenziaria in servizio. A darne notizia è Fabio Pagani Segretario Regionale Uil polizia penitenziaria.

"Il detenuto, estremamente violento di enorme stazza fisica, ha creato disordini sin dal suo arresto e si è praticamente scagliato contro il Poliziotto in servizio, con estrema violenza con sputi, calci e pugni. Lodevole il coraggio dell’Agente, per tutelare la sicurezza e l’ordine, ha messo a rischio la propria vita, solo grazie all’ausilio del Comandante giunto sul posto e della Guardia Medica di Struppa, si è riusciti a bloccare e tranquillizzare il giovane arrestato e fatto intervenire il 118 che ha trasportato con urgenza il Poliziotto rimasto ferito al pronto Soccorso del San Martino."

"Vogliamo solo auspicare che non sia necessaria una immane tragedia perché il pendolo emotivo, che regola l’attenzione verso il carcere (anche quello dei minori) , faccia accendere i riflettori sulle degradate, incivili, infamanti condizioni di lavoro. Ora non possiamo far altro che prestare vicinanza, pronta guarigione e solidarietà al Poliziotto ferito a Genova - conclude il sindacalista della UIL - e augurarci che il Ministro Cartabia oltre ai proclami faccia con urgenza anche fatti”.