Condividi:


Genoa, un buon inizio di ripresa non basta: Mkhitaryan bussa tre volte e la Roma fa festa

di Marco Innocenti

L'attaccante armeno mette la sua firma sui tre goal della formazione di Fonseca e affonda il Grifone

Al Genoa non basta un ottimo inizio di ripresa e, al Ferraris, la Roma di Fonseca conferma il proprio magic moment cogliendo tre punti meritati ma soprattutto conquistati grazie ad una prestazione da favola di Henrikh Mkhitaryan.

Nel primo tempo è la Roma a dimostrarsi più padrona del campo, con Mkhitaryan che semina il panico a più riprese nella retroguardia rossoblu. Perin è chiamato in più di un’occasione agli straordinari come al 19’ quando una gran bordata dal limite costringe il portiere del Genoa a volare per deviare la palla sulla traversa ed evitare così il goal. Il vantaggio della Roma arriva però proprio sulla sirena dell’intervallo con Mkhitaryan che salta tutto solo dentro l’area piccola e insacca alle spalle di Perin.

La doccia fredda, proprio quando il Grifone intravedeva la possibilità di andare al riposo sullo 0-0, ha però l’effetto di una sveglia. il Genoa cambia pelle, portando Radovanovic sulla linea di difensori e schierando un pacchetto arretrato a 5 ma soprattutto cambia marcia e mette in campo un altro piglio, tanto da riuscire a trovare non per caso un meritato pareggio. L’assistenza di Scamacca è col contagiri, Pjaca brucia sullo scatto i marcatori diretti e batte Pau Lopez.

Il Genoa allora inizia a crederci e prova a mettere in difficoltà i giallorossi che però oggi hanno un Mkhitaryan in forma strepitosa. L’attaccante prima supera ancora Perin con un piattone da due passi su assist di Peres, poi s’inventa una sforbiciata al volo su un cross morbido dalla destra che vale non solo il 3-1 romanista ma anche gli applausi dei pochi addetti ai lavori presenti sugli spalti del Ferraris.