Condividi:


Genoa, poche idee e tutte molto confuse. Il Toro non gioca ma strappa i tre punti

di Marco Innocenti

Il gioco latita e la Gradinata Nord perde la pazienza

Genoa-Torino è una vera e propria lezione di non-calcio. Squadre pasticcione per tutto il primo tempo, con nemmeno un tiro in porta sia da una parte che dall'altra. Rimpalli, flipper, passaggi sbagliati e poco, pochissimo altro. Nella ripresa, fatta eccezione per i due minuti compresi fra il 55' e il 56', in cui il Genoa colpisce due legni con Agudelo e Favilli, lo spartito non cambia.

Il Genoa sembra avere qualche idea in più del Torino, questo sì, ma non basta per scaldare i cuori in una serata che si fa via via più fredda. A renderla freddissima, almeno per i tifosi del Grifone, ci pensa Gleison Bremer che svetta più in alto di tutti su calcio d'angolo e insacca il gol della vittoria, sull'unica occasione granata di tutto il match.

Tutto il resto - come diceva il Califfo - è noia. E la Nord non manca di sottolinearlo con fischi e cori di disapprovazione: "Tirate fuori i ...". Ma a mancare a questa squadra non sono gli attributi, il problema vero è che manca il gioco.