Condividi:


Future Mobility Expoforum, 2500 accessi al Lingotto di Torino

di Redazione

Ospitati 13 convegni e 3 conferenze nazionali, con 143 relatori

Con 2500 accessi si è chiusa la seconda edizione di Future Mobility Expoforum di Torino che per due giorni ha accolto gli operatori di tutte le filiere industriali e di servizio del trasporto di persone e merci. Le sale del Centro Congressi Lingotto hanno ospitato 13 convegni e 3 Conferenze Nazionali, animati dai 143 relatori.

“L’evento si è confermato come il più completo palcoscenico e sede di incontro e confronto per aziende, istituzioni ed enti di ricerca che operano con l’obiettivo di una mobilità del futuro smart, inteso come sostenibile, accessibile, efficiente ed efficace” commenta Carlo Silva, Presidente di Clickutility Team e co-fondatore della manifestazione.
“22 sostenitori e 97 partner hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione – ribadisce Simona Sandrini, Event Manager di GL events, co-fondatrice della manifestazione. Future Mobility Expoforum ha visto la presenza qualificata delle autorità pubbliche ad ogni livello, dalle amministrazioni locali, in particolare quelle di Torino e Piemonte, al Parlamento Europeo, segno della grande rilevanza di questi argomenti per il futuro delle città”.

La manifestazione è stata teatro dell’approfondimento sulle tematiche più calde della mobilità futura e del confronto serrato su come realizzarla partendo dal presente: veicoli sostenibili, con particolare attenzione alla mobilità elettrica in tutte le sue forme; logistica intelligente e sostenibile in ambiente urbano; smart road e smart traffic; mobilità come servizio, tra cui le varie forme di sharing; smart city sicura e resiliente; auto connesse; sicurezza stradale; infrastrutture e logistica a medio e lungo raggio con un focus sul Piemonte come ponte tra Mediterraneo ed Europa. Le Conferenze Nazionali, che hanno riconosciuto il ruolo innovativo e di sperimentazione di Torino nella Future Mobility, hanno interessato Urban Air Mobility, Guida Autonoma e Micromobilità.

Condividi: