Elezioni, l’affondo di Toti: “Modello Liguria è l’unico con cui si vince”

di Giorgia Fabiocchi

"Dove il centrodestra si chiude nei vecchi schemi, o peggio, nelle vecchie e nuove liti, non convince gli elettori"

Elezioni, l’affondo di Toti: “Modello Liguria è l’unico con cui si vince”

Al ballottaggio di domenica 26 giugno il centrosinistra ha fatto "quasi" bottino pieno, conquistando una roccaforte come Verona, con l'outsider Damiano Tommasi. La coalizione trainata dal Partito democratico si è aggiudicata anche Monza, Catanzaro, Parma, Piacenza e Alessandria. Al centrodestra Lucca, Frosinone e Sesto San Giovanni. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, leader di Italia al centro, commenta così l'esito.

"Vedendo scorrere i primi risultati dei ballottaggi mi convinco sempre di più di ciò che sostengo ormai da tempo: il modello Liguria è l'unico con cui si vince. Allargare la politica alle forze civiche, costruire classi dirigenti serie, preparate, pragmatiche, refrattarie agli slogan e alle ricette semplicistiche senza inseguire il consenso facile, quello dei social, ma quello vero, che si costruisce giorno per giorno con capacità di decisione e cultura di governo. Dove il centrodestra si chiude nei vecchi schemi, o peggio, nelle vecchie e nuove liti, non convince gli elettori. Speriamo che tutti, anche vedendo il tasso di astensionismo, si convincano finalmente che continuare a giocare con gli schemi del passato forse salva qualche poltrona a qualcuno ma non salva la politica e il Paese. Spero su questo si faccia una seria riflessione, intanto complimenti a tutti i nuovi sindaci che affronteranno mesi complessi e sfide importanti: buon lavoro!"