Economia circolare dei rifiuti. Ecco i comuni più virtuosi: Genova scende di due posti

di Michele Varì

Convegno di Legambiente, fra le località riciclone della Liguria i paesi di Rialto, Vendone ed Onzo

Economia circolare dei rifiuti. Ecco i comuni più virtuosi: Genova scende di due posti

Genova scende di due posti, anche se ha salvato un'azienda di smaltimento come Amiu e ha riaperto la discarica di Scarpino  ponendo le basi per migliore nei prossimi anni, nella classifica dei comuni che riclano meglio i rifiuti salgono tanti piccoli comuni del Savonese, come Rialto e Vendone, e dello spezzino e la stessa La Spezia. 
E' quanto emerso nel convegno di EcoForum sull'economia circolare dei rifiuti organizzato da Legambiente nel salone di rappresentanza nel comune di Genova.
Presente oltre Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria, anche Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, che ha detto: "Sulla raccolta differenziata dei rifiuti domestici continuiamo ci sono ancora molti comuni che non rispettano la legge, e Genova sotto questo punto di vista è un disastro. Bisogna realizzare un biodigestore, un impianto di trattamento che ricicli rifiuti a pochi chilometri e non continuare a portarli in altre regioni. Questa è l'economia circolare che ci piace e per farlo serve realizzare impianti in tutte le province a partire da Genova. Qui si farà un impianto che tratta i rifiuti indifferenziati con il trattamento meccanico biologico, ma questo è un impianto che non ricicla i rifiuti, serve semplicemente a smaltirli più in sicurezza. Servono, invece, gli impianti che avviano i rifiuti al riciclo". 
Sulla necessità di un biodigestore si esprime anche l'assessore all'ambiente della Regione, Giacomo Giampedrone: "Il Tmb è sicuramente funzionale alle discariche - spiega - ma è chiaro che i biodigestori consentono di trattare in casa, quindi smaltire in Liguria, almeno il 30% del pacchetto rifiuti totale. Serve a Genova, a Imperia, serve a La Spezia, dove c'è un dibattito aperto sul sito di Saliceti mentre, Savona gode di un'autonomia gestionale che altre provincie non hanno".