Donadoni: "Territorio monitorato h24 con l'uso di droni e presidi ai varchi stradali"

di Marco Innocenti

Il sindaco di Santa Margherita: "Un impegno necessario per dare sicurezza ai nostri concittadini"

Da Levante e Ponente tutta la Liguria sarà impegnata, in questo fine settimana, in una battaglia che mai avremmo pensato di dover combattere: quella per tenere lontani turisti e vacanzieri dalle nostre località rivierasche. Potere dell'emergenza sanitaria, che costringerà tutti i sindaci a controllare le proprie cittadine e a rimandare indietro ospiti che, in questo momento, sarebbero indesiderati. "Stiamo facendo un grande sforzo - ha spiegato il sindaco di Santa Margherita, Paolo Donadoni - Insieme a tutti gli attori coinvolti abbiamo fatto squadra per presidiare il territorio h24, giorno e notte almeno fino a lunedì notte per evitare che qualcuno irresponsabilmente violi la normativa, trasferendosi nella nostra zona. Credo sia un passaggio dovuto anche per dare tranquillità alla cittadinanza. Così come controlliamo i nostri concittadini che si comportino bene, tanto più controlleremo che non arrivi qualcuno da fuori. Il rischio è ovviamente più forte per coloro i quali qui hanno una seconda casa e vuole godere della bellezza della nostra riviera ma ci sono delle regole e da quelle non si deroga".

"Per far questo abbiamo portato a termine un accordo con l'ente parco di Portofino - ha aggiunto Donadoni - per avere il supporto del loro personale. Nelle zone più collinari metteremo così in campo anche l'uso di droni per le zone più difficili da raggiungere dalle nostre pattuglie. In questo modo copriremo al meglio, anche in ampiezza, il territorio del nostro Comune. Inoltre controlleremo tutti gli accessi carrabili di Santa Margherita".