Coronavirus, gli animali domestici trasmettono il contagio? L'abbiamo chiesto all'esperto

di Marco Innocenti

Ce lo ha spiegato Salvatore Bavetta, vice presidente dell'Ordine dei medici veterinari

Dopo la conferenza stampa del commissario Angelo Borrelli nella quale è stato fatto riferimento a casi di abbandono di animali per il timore che questi possano veicolare il contagio da coronavirus e dopo le decine di telefonate ricevute durante le nostre dirette, siamo andati a chiedere lumi al dottor Salvatore Bavetta, vice presidente dell'Ordine dei medici veterinari di Genova, il cui intervento in diretta su Telenord ha chiarito ogni dubbio: "I coronavirus sono una famiglia di virus molto varia - ha spiegato Bavetta - Alcuni colpiscono gli animali, non solo cani e gatti ma anche quelli da reddito come i suini, altri invece colpiscono l'uomo, come nel caso del Sars-Cov-2, quello che sta causando l'epidemia che stiamo affrontando in questo momento. Il virus che infetta l'uomo, però, non è capace di infettare anche gli animali così come quelli che infettano gli animali non sono in grado di trasmettersi all'uomo".

"La famiglia dei coronavirus è conosciuta da tempo in veterinaria - ha aggiunto - e sono responsabili di molte patologie anche gravi negli animali. Queste patologie non si trasmettono all'uomo. In nessun caso".

Nessun pericolo insomma di contagio tra uomo e animali. "In Liguria come Ordine professionale non abbiamo avuto notizie di aumenti nei casi di abbandono legati all'emergenza da coronavirus - ha spiegato Bavetta - Anche l'Anmdi ha smentito che ci siano picchi negli abbandoni di animali in questo periodo. Ricordiamo che l'abbandono è anche un reato punito dal codice penale. Vorrei anche ricordare che in questi giorni di isolamento, grazie alla presenza dei nostri amici animali molte persone si trovano a non dover affrontare questo periodo in totale solitudine".