Condividi:


Chievo-Sampdoria finisce 0-0: Pellissier e Quaglia hanno le polveri bagnate

di Redazione

Splendido però l'abbraccio fra i due bomber, amici fin dai tempi delle giovanili nel Torino

Chievo e Sampdoria non si fanno troppo male e finiscono per dare vita ad una partita a tratti piuttosto bruttina. Mancano i gol dei due protagonisti annunciati, Quagliarella da una parte e Pellissier dall'altra, e così alla fine lo 0-0 è l'unica soluzione possibile. Quella che insomma va bene un po' a tutti.

Subito pericoloso il Chievo con un lancio lungo che pesca Leris alle spalle di Linetty, lo stop delclivense manda a vuoto Colley. Tocco di misura ad eludere l’uscita di Rafael e il Chievo è in vantaggio. A salvare la Samp arriva però la Var che vede un fuorigioco millimetrico di Leris in partenza. Gol annullato, si resta sullo 0-0.

Il Chievo però è più determinato e costruisce un paio di occasioni nitide con Depaoli e Stepinski, serviti entrambi da Pellissier. In entrambi i casi, però, alla squadra di Mimmo Di Carlo manca la stoccata. La Sampdoria risponde con Quagliarella, ben marcato dalla difesa clivense, poi però la svolta arriva al 39’: Barba interviene in scivolata su Defrel ma, sullo slancio, colpisce pericolosamente il ginocchio di Defrel. Aureliano non ha dubbi ed espelle il difensore del Chievo.

La Samp prova subito a far male e sulla punizione conseguente manda Praet al tiro dal limite, sfiorando la traversa. Il Chievo però non ci sta e, in contropiede, continua a cercare di tenere in apprensione la difesa blucerchiata. L’ultimo acuto del primo tempo però lo riserva proprio la squadra di Marco Giampaolo, con il gran sinistro di Manolo Gabbiadini che, in diagonale, costringe Semper ad alzare in angolo.

Nella ripresa, è Defrel a provarci per primo ma Semper è attento e sfodera un’altra gran parata, mandando in angolo. Al 72’ però la partita si ferma per l’uscita dal campo di Sergio Pellissier a cui il Bentegodi tributa una commovente standing ovation. Significativo anche l’abbraccio con Fabio Quagliarella, l’altro bomber sempreverde di questa sfida.

Gli ultimi minuti della gara sono un'appendice quasi inutile, con la Samp che ci prova ma senza nemmeno troppa convinzione e il Chievo che si difende bene, con l'unico obiettivo di non congedarsi dalla serie A e dal proprio pubblico con una sconfitta. L'ultimo ad arrendersi però è Diousse che,col destro, ci prova dalla lunga distanza. Rafael respinge coi pugni in maniera un po' goffa ma Pucciarelli non trova l'impatto per infilare la porta blucerchiata. E anche l'arbitro capisce che è il momento di chiudere il match e dare il via al "Pellissier Day".