Condividi:


Carige, settimana decisiva: CCB deciderà sull'acquisto da Fitd

di Marco Innocenti

Lunedì il Cda della banca trentina: sul tavolo l'opzione per acquisire le quote del Fondo

Quella che sta per iniziare potrebbe essere una settimana decisiva per il futuro di Banca Carige. Lunedì infatti è in programma il Cda di Cassa Centrale Banca, che oggi detiene l'8,3% e che dovrà decidere sull'opzione d'acquisto della quota dell'80% attualmente in mano al Fondo di tutela dei depositi.

Secondo gli accordi, Cassa centrale Banca dovrebbe decidere se esercitare l'opzione, con uno sconto del 47% su 300 milioni, entro la fine dell'anno ma la prospettiva è quella di un decisione in merito già entro la fine di marzo. Secondo indiscrezioni raccolte dal quotidiano Il Messaggero l'offerta di CCB potrebbe essere quella simbolica di un euro più una richiesta di dote di 500 milioni, proposta che sarebbe sicuramente rifiutata dal Fondo.

All'interno della holding trentina, infatti, l'idea di acquisire il controllo della banca genovese sarebbe sempre meno allettante: la perdita registrata nel 2020 di 251 milioni è andata oltre quello che si sarebbe attesi e la crisi covid non ha fatto che appesantire la situazione ma ciò che sembra preoccupare maggiormente è il contenzioso con l'ex azionista di maggioranza Malacalza. Carige non ha accantonato alcun fondo a copertura. L'azione legale del gruppo, sceso da una quota del 27% ad una di appena il 2, potrebbe costare qualcosa come 486 milioni di euro che, allo stato delle cose – temono in CCB – ricadrebbe quasi del tutto sulle spalle del gruppo trentino.

Ad oggi quindi sembra che il quadro sia ancora molto fumoso, anche se ci sarebbero già in campo pressioni affinché CCB presenti un'offerta, rispettando così quegli accordi sottoscritti a suo tempo ma che, purtroppo per la banca genovese, non sono assolutamente obbligatori, neppure nel caso di uno sconto maggiore del 47% già pattuito. Nel caso in cui alla fine CCB si dovesse sfilare dall'affare, al Fondo non resterebbe che andare a caccia di un nuovo acquirente interessato a Carige, un compito ad oggi non certo semplice.