Canale di Suez, la Ever Given in viaggio dopo tre mesi di sequestro

di Edoardo Cozza

La portacontainer si è diretta a nord verso il Mediterraneo scortata da rimorchiatori

Canale di Suez, la Ever Given in viaggio dopo tre mesi di sequestro

La Ever Given ha lasciato il Canale di Suez: il cargo che lo aveva bloccato per lungo tempo dopo essersi incagliato è ripartito verso il Mediterraneo scortato da rimorchiatori. La nave era stata sequestrata per tre mesi nei pressi della città canale di Ismailia. I termini dell'accordo non sono stati resi noti, ma l'Egitto aveva chiesto 550 milioni di dollari.

Il Canale di Suez era rimasto bloccato quando l'Ever Given, lunga 400 metri, si era arenata di traverso pare a causa dei a forti venti. Il commercio globale è stato praticamente interrotto poiché centinaia di navi sono rimaste bloccate nel traffico.

La nave portacontainer era stata rimessa a galla a seguito di un'operazione di salvataggio di sei giorni che ha coinvolto una flottiglia di rimorchiatori e navi da dragaggio. Una persona è rimasta uccisa durante l'operazione.

Da allora, l'Autorità del Canale di Suez (SCA) ha chiesto un risarcimento al proprietario giapponese della Ever Given, Shoei Kisen, per il costo dell'operazione di salvataggio, i danni alle sponde del canale e altre perdite. La SCA inizialmente ha chiesto un risarcimento di 916 milioni di dollari, inclusi i 300 milioni per un bonus di salvataggio e altri 300 milioni per perdita di reputazione. Ma UK Club - che ha assicurato Shoei Kisen per responsabilità verso terzi - ha respinto la richiesta, descrivendola come "straordinariamente grande" e "in gran parte non supportata".

La SCA ha poi abbassato la sua domanda a 550 milioni di dollari. L'accordo finale, che non è stato rivelato, è stato concordato pochi giorni fa e firmato mercoledì in concomitanza con il rilascio della nave.