Cagliari è tabù: la Sampdoria cade in Sardegna e viene agganciata da Mazzarri

di Edoardo Cozza

Per D'Aversa si allunga a quattro partite la striscia di risultati negativi: venerdì prossimo sfida allo Spezia

Cagliari è tabù: la Sampdoria cade in Sardegna e viene agganciata da Mazzarri

Prosegue la striscia negativa della Sampdoria: Cagliari si conferma campo tabù e la situazione di classifica per D'Aversa e i suoi ragazzi inizia a palesare connotati decisamente negativi.

Avvio di gara choc per i blucerchiati: il Cagliari conquista tre corner in un amen, poi al 4' trova il gol con Joao Pedro imbeccato da un cross di Keita. Ci vuole un corposo check al Var, ma alla fine la rete viene convalidata. 
La Sampdoria trova una reazione istantanea con una ripartenza orchestrata da Gabbiadini e rifinita da Candreva: la conclusione di quest'ultimo, però, sbatte sul palo. 
I ritmi si abbassanno, con la squadra sarda che controlla e il trio d'attacco blucerchiato che non trova le misure per dialogare: di occasioni, infatti, palo a parte non ce ne sono da appuntare.

Nella ripresa un paio di fiochi tentativi di Marin da un lato e Gabbiadini dall'altro, D'Aversa decide di pescare Caputo dal mazzo che ha in panchina e riforma la coppia d'attacco delle ultime uscite. Il cambio offensivo non sortisce effetti: la manovra è compassata, la qualità latita. 
E il Cagliari diventa cinico: un paio di chance per Keita fanno suonare il campanello d'allarme e sono solo il preludio al raddoppio di Caceres, il cui tiro dal limite supera Audero anche o soprattutto grazie alla deviazione di Thorsby. 
Lo stesso centrocampista doriano trova anche il colpo vincente nella porta giusta: su un corner battuto rapidamente, Caputo lo pesca in area e il numero 2 non sbaglia da due passi, regalando qualche speranza ai blucerchiati.
Nel recupero viene espulso D'Aversa per (blande) proteste per un presunto fallo su Capito qualche istante prima, poi Joao Pedro chiude la contesa con il 3-1 che sigilla la vittoria sarda.

Per la Sampdoria quarta partita consecutiva senza vincere e subendo almeno 3 gol: quest'ultima situazione non si verificava dal 1949-50. E ora la sfida allo Spezia alla quale i blucerchiati arrivano un punto sotto i prossimi avversari.